Artisti

Eleonora Polverini è nata e vive a Gorizia. Da sempre appassionata all'arte, si accosta alla pittura da autodidatta da circa 15 anni, in seguito frequenta corsi formativi di disegno, pittura ad olio e acquerello.  Prosegue il suo lavoro artistico sperimentando diverse tecniche passando dal figurativo alla pittura materica astratta con interventi di stucchi e sabbie. La continua ricerca di nuovi percorsi espressivi la spinge a creare opere adoperando tecniche miste e materiali di riciclo che plasma e compenetra con fantasia e immaginazione. Senza mai abbandonare il percorso artistico originario continua a creare e sperimentare mettendosi costantemente alla prova . Ha partecipato a diverse mostre collettive. Da alcuni anni fa parte di Untitled Code,gruppo di artisti che lavorano con metalli di riciclo,creando opere che ridanno vita e dignità ad oggetti gettati via. elen.polverini@gmail.com

Nadja Moncheri è presente nello scenario dell'arte contemporanea con mostre personali e collettive dagli inizi degli anni ‘80. Tra le più recenti rassegne si segnala la partecipazione al Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011 organizzata dal prof. Vittorio Sgarbi. Inserita nel Dizionario degli artisti di Trieste, dell'Isontino, dell'Istria e della Dalmazia di C.M. Martelli nelle edizioni 1996, 2001 e 2009 e nel catalogo della Biennale di Venezia 2011 - Padiglione Italia – Friuli Venezia Giulia.

moncherinadja@gmail.com

Femi Vilardo è nata a Trieste, dove vive e lavora. La sua attività espositiva, suddivisa fra mostre personali e collettive, si è finora svolta in Italia e in Slovenia. Essenziale è stata, nelle prime fasi della sua formazione artistica, la conoscenza del maestro Nino Perizzi alla cui Scuola Libera di Figura del Civico Museo Revoltella ha acquisito insegnamenti preziosi per il suo futuro personale percorso pittorico. Femi Vilardo ha proseguito poi la “sua” ricerca, accostandosi ad altri artisti che le hanno consentito di affinarsi; fra questi va citato innanzi tutto Marino Cassetti. Ulteriori approfondimenti sono derivati dal lavoro con Roberto Tigelli, Paolo Cervi Kervischer, Franco Chersicola e Mirella Schott Sbisà, alla Scuola Libera dell'Incisione Carlo Sbisà da lei diretta. www.femivilardo.com

Nadia Blarasin, nata a San Daniele del Friuli (UD). Attualmente risiede e lavora a Basaldella di Campoformido (UD).

Ha esposto in Italia con personali e collettive significative in Italia presso la Villa Wasserman di Toppo, il Salone Abbaziale di Sesto Al Reghena, la Chiesa di S. Antonio Abate di Udine e all’estero tra cui Slovenia, Ungheria, Finlandia e Germania.

Tra i vari riconoscimenti ottenuti si segnalano: 1° premio per la pittura al “Meeting Arte e Moda” presso l’Hotel Savoia di Trieste¸ il premio per la pittura alla Manifestazione “Barcolana” di Trieste, 3° premio per la scultura alla XIV Biennale d’Arte Friuli Venezia Giulia presso la Galleria Tiepolo di Udine, III° premio “L’Arte nel mondo della Sicurezza” presso la sala Ajace del Palazzo municipale (UD):

Il suo lavoro è stato presentato in varie trasmissioni radiotelevisive regionali. Le sue opere si trovano in collezioni pubbliche tra le quali la collezione della Provincia di Udine, la collezione del Comune di Sesto al Reghena, la collezione presso la Basilica Beata Vergine delle Grazie, la collezione del Comune di San Giovanni al Natisone .Dal 2007 fa parte di “AURA”, Associazione Artistico Culturale del Friuli Venezia Giulia, con cui collabora a progetti per la diffusione della cultura.

Gabriella Battistin è nata nel 1960 a Cordenons dove tuttora vive e lavora. Come pittrice si è formata alla Scuola di Disegno dell’Accademia di Belle Arti di Venezia sotto la guida di Vittorio Basaglia. Suoi soggetti preferenziali sono le maschere e le tele astratte e concettuali. Ha fatto mostre personali e partecipato a collettive nel Friuli a nel Veneto. Le esposizioni effettuate sono:

 

• 1991 – personale Galleria Bacchiglione, Vicenza

• 1991 – Galleria San Vidal, Venezia

• 1991 – collettiva Hotel Moderno, Pordenone

• 1992 – La Fenice Art Gallery, Venezia

• 1992 – Associazione culturale Studio Arte Exit, Gorizia

• 2003 – “Chi vuol esser lieto sia?” Palazzo Gregoris, Pordenone

• 2004 - “Chi vuol esser lieto sia?” Palazzo Gregoris, Pordenone

• 2008 – Collettiva “Il Circo”, Castello di Torre, Pordenone

• 2010 – Spazio Bevacqua Panigai, Treviso

• 2011 – Centro Culturale Aldo Moro, Cordenons

• 2012/13 – Esposizione opera d’arte in vetrina alla Libreria al Segno, Pordenone

• 2013 – Fiera “Lo Spettacolo della Primavera”, Pordenone

 

 

Tiziana Tracanelli è nata a Udine nel 1971, dopo anni di lavoro nel settore del turismo e dopo essere diventata mamma ha cominciato ad esporsi al pubblico come artista, partecipando a mostre collettive e personali. Ha esposto le sue opere presso prestigiosi atelier, in negozi di design e noti locali pubblici. I suoi quadri astratti e moderni sono indicati per un arredamento giovane e innovativo, lasciano trasparire la gioia nell'uso dei colori e delle materie.

 

Marcello Grosso, nato a San Nicola Arcella (CS), vive da moltissimi anni in Friuli ed ha il suo studio a Romans d'Isonzo (GO).

Ha coltivato negli anni da autodidatta la passione per la pittura ed in seguito per il polimaterico, che nei suoi lavori coesistono e si compenetrano. Infatti si muove con disinvoltura su due fronti tecnico-espressivi, quello della pittura e della scultura in un unico componimento.

Solo dopo un lungo periodo di studio, approfondimento, sperimentazione per dominare e gestire la materia, incoraggiato da esperti e critici, ha iniziato ad affrontare nell'ultimo ventennio il giudizio del pubblico e della critica con numerose mostre personali in Italia e all'estero: Trieste, Palmanova, Gradisca d'Isonzo, Udine, Romans d'Isonzo, Bolzano, Bressanone, Monfalcone, Grado, San Nicola Arcella, Padova, Gorizia, Treviso, Comano, Bassano del Grappa, Cividale del Friuli, Reggio Emilia, Vipiteno, Parigi, Principato di Monaco, Monaco di Baviera, Strasburgo.

Molte sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private.

Attualmente fa parte del direttivo, assieme ad altri artisti, del Circolo Culturale “ Galleria d'arte - la Fortezza” di Gradisca d'Isonzo.

Luis Moreno, artista e architetto cileno, ci propone una scelta di foto riguardante alcune tematiche a lui ricorrenti.

La macchina fotografica è il suo “cahier de voyage” privilegiato dove annota e appunta percorsi, emozioni, astrazioni, ricordi; note appunti che diverranno volta per volta Architettura, Pittura, Design, Teatro, Scenografia o semplicemente FOTOGRAFIA, quell’istante unico e irrepetibile che ci lascia ogni volta sorpresi e stupiti.

Con sintesi magistrale Luis Moreno ci rende possibile ripercorrere i suoi itinerari nell’America andina e nelle regioni australi, meraviglia e incanto per gli stanchi occhi dell’uomo europeo; paradossalmente ci rivela anche un Vecchio Mondo vivido e “rinnovato” dallo sguardo limpido del camminante.

Il tutto soffuso e filtrato dall’eterno incanto, da quelle evocative forme femminili che con fascino alleviano la fatica del mondo.

E poi... il Caso... quell’imprevedibile istante catturato con sottile ironia, simbolo della molteplicità del reale.

 

Da sempre attratta dal variegato e vasto mondo del tessile, da tutto ciò che è filo, intreccio, stoffa e colore, Eleonora Orso si forma presso l’Istituto d’arte Max Fabiani di Gorizia dove frequenta i corsi di Arte del tessuto ampliando e consolidando le sue capacità tecniche ed artistiche nelle varie tecniche che spaziano dalla tessitura a mano su telaio, alla serigrafia, alla stampa su stoffa e, infine, al batik.

E’ proprio quest’ultima ed antica tecnica di decorazione dei tessuti di origine orientale che la affascina in modo particolare. e che la porta ad elaborare uno stile personale utilizzando metodi, pattern decorativi e materiali che danno vita a pannelli di notevole suggestione.

La sua ricerca attuale è volta alla creazione di piccoli arazzi realizzati unendo assieme tessuti di varia origine (sete, velluti, cotoni) che tinge e stampa personalmente, nei quali usa la contrapposizione cromatica e materica per sollecitare sensazioni non codificate.

 

Angela Domini, vive ed opera a Pordenone.

Frequenta la Scuola Internazionale di Grafica di Venezia, la Scuola Libera del Nudo presso l’Accademia delle Belle Arti di Venezia e numerosi workshop di pittura in Italia e all’estero, dove sperimenta nuove tecniche e l’uso di nuovi materiali. Esordisce in ambito figurativo prediligendo il paesaggio e la natura morta, successivamente amplia la propria ricerca sullo studio della figura e del ritratto inteso come rappresentazione dell’anima ed interiorità della persona. Ha esposto le proprie opere presso importanti gallerie italiane ed estere, è inserita in numerose pubblicazioni e cataloghi d’arte.

 

Marina Battistella, nata a Palmanova (Udine – Italy) il 20 settembre 1958, ha frequentato l’istituto statale d’Arte “G. Sello”di Udine. 

Il suo esordio è ispirato prevalentemente all’impressionismo, per approdare all’iperrealismo. Successivamente sente l’esigenza di esprimere una creatività fino a quel momento repressa; la curiosità e l’interesse per il materico la portano verso una ricerca continua fino all’acquisizione di una personale cifra espressiva che la rende pienamente riconoscibile e distinguibile. Ha partecipato a numerosi simposi in Italia e all’estero, a trasmissioni televisive, inoltre è presente in “Scrivendo d’Arte” e le sue illustrazioni si trovano nel libro di poesie “Poete a Nordest”, uscito nel 2011. Da diversi anni partecipa a rassegne collettive e personali in varie località italiane ed estere.

 

Vania Malisan nasce a Latisana nel 1980.

Da sempre ha un'innata predisposizione per creatività, manualità e comunicazione, ma tale dote non aveva mai trovato un linguaggio espressivo. Successivamente individua un forte desiderio di raccontare emozioni, sentimenti, pezzi di vita e legami. Influenzata positivamente dalla forte sensibilità verso i materiali, esprime ciò che viene concepito nello spirito, attraverso l'arte informale e materica. Nelle sue opere assumono rilievo il sacco, il cartone e lo spago che danno vita a una nascente passione. La sua prima mostra si è tenuta nel febbraio 2011. Negli ultimi 2 anni ha partecipato a diverse mostre collettive e concorsi.

Vive e opera a Precenicco. www.vaniamalisan.com

 

Luigina Iacuzzi si è diplomata in Pittura e in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia. Per più di dieci anni ha lavorato nel mondo della grafica editoriale. Ha collaborato con vari Enti nel campo della tecnologia e delle arti grafiche. Si è dedicata agli approfondimenti delle Arti applicate. Ha alle spalle numerose personali e collettive. Attualmente insegna Discipline Grafiche presso il Liceo Artistico E. Galvani di Cordenons (PN).

 

Via A. Moro 7/1 - 33032 Bertiolo - Udine - Mail: luigina.iacuzzi@gmail.com - 3338595467

 

Nada Moretto, nata a Pordenone, risiede a San Giovanni di Casarsa/PN.

Diplomata all’Istituto Statale d’Arte di Cordenons, lavora da tempo nel settore della grafica, esprimendo un particolare interesse per la sintesi della marcatura del segno e dell’impianto cromatico.

Alla fine degli studi ha cominciato a dedicarsi sistematicamente alla pittura, intesa anche come strumento di connessione profonda con l’esistente.

 

www.nadamoretto.it nada.mo@libero.it

 

Catia Clinaz è nata a Udine e da 18 anni, dopo aver frequentato un corso base di ceramica, lavora presso il suo studio-laboratorio “Cuori di Terra” a S. Maria la Longa in via Zorutti n. 29, dove tiene anche corsi di ceramica per principianti e non.

 

 

Letizia Malvestuto è nata a Venezia il 16.07.1960, ha frequentato l’istituto d’Arte di Udine diplomandosi in grafica pubblicitaria nel 1979. Dal 1980 al 1995 ha lavorato nel suo laboratorio ceramico di Trivignano Udinese. Attualmente continua la sua attività di ceramista in campo artistico

 

 

Lorella Fermo è nata a Capodistria (Slovenia), dove risiede.

Dopo il ginnasio, continua gli studi alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Trieste. Insegna alla scuola elementare “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” di Capodistria, all’Università Popolare e alla scuola slovena “Elvira Vatovec”. Crea numerose scenografie in seno all’attività artistico-culturale della Comunità degli Italiani di Capodistria. I suoi contatti con il Friuli iniziano nel 1972, esattamente 40 anni fa, quando partecipa al Festival Regionale della Canzone per bambini, curato dall’Associazione Pro Nimis (Udine). La caricatura è il genere che più esalta il suo estro artistico. Le sue vignette vengono pubblicate sul “Planinski Vestnik” (Gazzetta Alpina), la più antica rivista culturale slovena, unica edita senza interruzioni di stampa dal 1895 e mensile dell’Associazione Alpinistica della Slovenia.

 

Giovanni Gabassi, dopo aver frequentato l’istituto d’arte G. Sello di Udine, si è diplomato all’Accademia di Belle arti di Bologna.

Ha al proprio attivo diverse personali e collettive (a Udine, Belluno, L’Aquila, Venezia, Cannes, Salisburgo, Arezzo, Perugia), ma ha lavorato anche all’illustrazione di testi teatrali e ha curato la grafica di eventi culturali, di pubblicazioni turistico-culturali e di un cd musicale.

Nelle opere emerge la sua visione del mondo contemporaneo di cui sviluppare tutte le connessioni, più o meno percettibili, con la realtà esteriore e interiore. Per questo ama giustapporre immagini, istituire legami, svelare relazioni. Si esprime con diverse tecniche e la sua è una continua ricerca di nuove superfici e di nuove modalità espressive.

gbsgnn@gmail.com

 

Elvio Zorzenon

Nato ad Aquileia (UD) il 4 marzo 1939, frequenta l'Istituto d'arte di Trieste negli anni 1957/1962 formandosi nel clima della città, a contatto con alcuni tra gli esponenti maggiormente impegnati nelle nuove ricerche estetiche quali Miela Reina, Bruno Chersicla, Enzo Cogno che, nella metà degli anni '60, condividendone l'esperienza, lo introducono nel gruppo "Arte Viva", in cui erano confluite le tensioni al rinnovamento, il desiderio di libertà, la voglia di contestazione di quegli anni. Nella prima metà degli anni '60 questo "movimento" diede origine agli anni raggianti della cultura giuliana. Agli iniziali interessi del "gruppo" - inizialmente animato dal maestro Carlo de Incontrera - si affiancarono in seguito quelli di altri giovani pittori, architetti, scenografi, fotografi. Zorzenon, che nel frattempo si dedica anche alla realizzazione di molti affreschi, esordisce a Roma nell'anno 1962 - con una pittura di energico impatto visivo, caratterizzata dallo splendore di forme e colori - con la sua prima personale tenuta presso la Sala Civica di Monterotondo (RM), cui seguono moltissime altre, nel mezzo secolo di pittura che scandirà il percorso artistico del maestro e che lo vedrà partecipare a concorsi in Italia ed all'estero, ove riscuote ampi consensi, premi (più volte 1º classificato in varie rassegne) e segnalazioni.

 

Giusy Zagari

Nata a Genova, frequenta il Liceo Artistico Niccolò Barabino, e si specializza in grafica e pubblicità. Vive a Carlino dal 2003 e attualmente lavora come docente di Eco-arte nell'Università della terza età di Latisana, oltre a collaborare con diversi laboratori artistici in campus estivi. La ricerca si concentra sull'indagine delle varie forme dell'anima, dei sentimenti più intimi, delle emozioni profonde e delle passioni ardenti sintetizzate in linee dinamiche dove spesso le mani vengono usate come strumenti per rendere visibile e immediato il messaggio.

 

Piero De Martin, vive e opera a Codroipo (Udine). È docente d’arte orafa presso il Liceo Artistico Sello di Udine. La sua opera è il risultato di una sintesi affascinante tra i metalli preziosi e la risonanza arcaica; la magia delle sue combinazioni scultoree, risiede in un cumulo di richiami culturali (civilta’ primitive Latino-Americane in specie), che nell’elaborazione creativa divengono ambiti di piena riconoscibilita’artistica attribuibile soltanto a De Martin. Dal 1980 partecipato attivamente a manifestazioni culturali in Italia e all’estero; tra le più importanti: 1991, Venezia, Galleria Fenice; 1995, Bruxelles, Banca Monte dei Paschi di Siena; 1998, Turchia, Efeso – Museo; 2001, Treviso, Casa dei Carraresi; 2002, Passariano, Villa Manin; 2004, Sacile (Pordenone), Chiesa di San Gregorio; 2006, Dubai, Italian Lifestyle- Expo Centre; 2007, Miami (U.S.A.), Consolato Italiano; 2008, Vienna, Istituto Italiano di Cultura; 2009, Helsinki, Istituto Italiano di Cultura; 2010, Sydney, Lido Gallery.

 

Nilo Cabai

Nella città di origine di Nilo Cabai (Udine, 1931) frequenta la Scuola Statale d’Arte, dove assorbe i primi suggerimenti a una pittura d’impronta figurativa. Gradatamente va maturando una propria idea di connessione fra colore, forma e spazio, fino a realizzare una felice combinazione di dinamismo e poesia del quadro, sulla base di un’aderenza alla realtà che si astratizza senza perdere il corredo di segni anatomici che la caratterizzano e che, puntualmente, riemergono a scandire lo spazio rarefatto della tela. L’armonizzazione delle tarsie cromatiche conserva sempre, come in filigrana, il senso di paesaggio filtrato attraverso l’”occhio dell’emozione”. Curioso viaggiatore, ha sedimentato nella propria sensibilità i cospicui segnali ricevuti dal mondo nordico e da quello mediterraneo. Nell’opera di Nilo Cabai si equilibrano in esiti di intensa musicalità natura, cose, situazioni e memorie inserite nei suoi numerosi cicli ispirativi (dalle pinete alle marine, dai nuclei, immagini e nascite, agli itinerari spazio, dalle architetture spontanee alle fusioni). La sua ricerca vive su due tensioni convergenti: da una parte uno slancio all’affinamento tecnico e culturale, dall’altra la valorizzazione della libertà espressiva e della sua vocazione istintiva al colore. Dalla metà degli anni ’50 in poi è presente in sempre più numerose occasioni espositive in Italia e all’estero (Austria, Svizzera, Francia, Australia, Canada), dove raccoglie l’attenzione delle critica e il consenso di un largo pubblico. Vive e lavora a Udine.

 

Klemen Brun, nato a Šempeter di Nova Gorica (Slovenia), risiede e lavora a Nova Gorica. Fin da adolescente mostra la sua propensione per l'arte. Dopo aver trascorso 5 anni nel Kuwait, torna nella terra d'origine e, terminata la scuola media, si iscrive all'Istituto Statale d'Arte “Max Fabiani” di Gorizia diplomandosi nel 1996. Prosegue gli studi presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia e li conclude nel 2001 sotto la guida della prof. Rossella Piergallini. Esercita l'insegnamento del disegno e della pittura. Ha partecipato a numerose mostre in diverse sedi espositive in Slovenia e all’Estero; tra queste spiccano la personale al Parlamento Europeo di Bruxelles e di Strasburgo. È stato invitato a rassegne in Germania, Gran Bretagna e Italia, a residenze artistiche in Irlanda e negli Stati Uniti.

 

e-mail: klemen.brun@hotmail.com - klemen.brun@siol.net

 

Gianni Borta é nato e vive a Udine con studio in Piazzale Chiavris 21 e a Milano in Via Mascheroni. É considerato un protagonista di quella che é ormai conosciuta come arte naturalistica; per i temi trattati e i risultati conseguiti, comincia ad essere visto come un caposcuola. Espone dal 1961. Ha partecipato a 850 esposizioni in Italia ed all’Estero conseguendo 220 affermazioni tra premi nazionali ed internazionali.

Presente nelle più importanti rassegne artistiche:

Biennali, Trivenete, Quadriennale, Nazionale di Roma, Suzzara, Arte Fiera di Bologna, Expo Levante a Bari, Kunstmesse 1979 a Basilea, Fiera di Wash - Art Fair Washington (U.S.A.), 15ª Biennale Internazionale di Grafica a Lubiana (SLO), "Mithos Italien" e "Kunst aus Italien" (dal futurismo alla Transavanguardia) a Müchen, 1° Grand Prix Alpe Adria Galerija Tivoli a Lubiana, Fiera Internazionale di Francoforte, Fiere d'Arte di Padova, Vicenza e Artes di Udine, Tüyap Istambul Art Fair Mak-Kunst Wien 96. Biennale di Grafica a Cracovia.

Ha tenuto 160 personali nelle principali città (Milano, Genova, Roma, Bologna, Venezia, Verona, Firenze, Trieste, Padova, Torino, Bruxelles, New York, Londra, Parigi, Caracas, Monaco di Baviera, Rosenheim, Heidelberg, Grenoble, Lione, Amsterdam, Basilea, Solingen, Praga, Istambul, Vienna.

In campo internazionale ha partecipato a mostre in Austria, Jugoslavia, Germania, Inghilterra, Francia, Stati Uniti d'America, Svizzera, Australia, Belgio, Venezuela, Argentina, Olanda, Ungheria, Repubblica Ceca, Turchia ecc. Sue opere in musei, Enti e Istituti Pubblici.

Dedicate alla sua opera trasmissioni radio televisive. Numerose opere d'arte realizzate in edifici pubblici: mosaici in scuole, piazze, monumenti, case circondariali, ospedali, impianti sportivi e giudiziari.

Notevole attività anche come grafico, disegnatore, illustratore di libri, manifesti e riviste. La sua attività é documentata presso l'Archivio Storico della Biennale di Venezia e l'Archivio per l'Arte italiana del Novecento, a Firenze "Kunsthistoriches Istitut in Florenz".